tel.02-96780635 fax 02-96780635 VAIC852002@pec.istruzione.it

Amici per il Centro Africa

Amici per il Centro Africa

Incontro effettuato il 7 dicembre nell'ambito del progetto " Diverso da chi?" in collaborazione  con l'associazione "Amici per il Centrafrica".

Relazione dell'alunna A. C. di 2B:

Il giorno 07 dicembre,ho partecipato insiema alla mia classe,ad una lezione diversa dal solito,ed è stata molto interessante ed istruttiva.In classe,sono arrivate,due ragazze di nome SARA,che da anni fanno parte dell'associazione “Uniti Per Il Centro Africa”.
Questa associazione,aiuta adulti e bambini che si trovano in condizioni disagiate a causa delle continue guerre civili  e a causa della povertà.Dopo essersi presentate,hanno attaccato alla lavagna un cartellone con scritto:OGNI PUNTO DI VISTA E' LA VISTA DI UN PUNTO.
Noi dovevamo incollare un post-it e scrivere,una parola o una frase che,potesse rappresentareil cartellone.
Io ho scritto: andare oltre i pregiudizi,perchè a volte,tutti noi facciamo fatica a considerarci uguali e posso dire che alcune volte provo timorese qualche immigrato mi passa vicino.
Dovremmo abbattere queste barriere inutili e guardare in faccia alla realtà vera.
Dopo,questa breve introduzione,abbiamo visto un video con delle foto di bambini,popolazioni africane e bellissimi paesaggi con il sole cocente. L'Africa è davvero un paese fantastico, immerso nella natura e il fatto che mi sorprende di più è che nonostante le difficoltà che queste popolazioni devono affrontare quotidianamente hanno sempre il sorriso,la voglia di non mollare e di  andare avanti.Per questo io li ammiro molto;alcune volte mi preoccupo di sciocchezze e invece sono questi i problemi veri.Dopodichè,siamo passati alla seconda attività,prima di tutto siamo stati divisi in gruppi,io ero con Luca e Luigi.
Poi,hanno assegnato ad ogni gruppo una foto,alcuni avevano un paio di scarpine rotte, altri una mamma con un bambino ecc...
noi avevamo una foto abbastanza difficile perchè era in bianco e nero e ritraeva alcune donne con un viso triste e  malinconico mentre guardavano un cumulo di terra e paglia con dei vestiti strappati.
L'indicazione per tutte le squadre era di inventare una probabile storia partendo da cio' che era ritratto nella foto.Con alcuni indizi ed intuizioni siamo arrivati al significato:era un cimitero.
Ovvio,non si trovavano ricche decorazioni floreali o tombe di marmo ma si trovava la stessa sofferenza e la stessa malinconia.Si può dedurre perchè nel 2013 vi è stata una sanguinosa guerra civile che ha decimato e distrutto tantissime famiglie innocenti.Abbiamo anche pensato che il defunto fosse un uomo e le donne sofferenti a destra fossero le mogli mentre più a sinistra fosse una figlia.
In seguito, ognuno ha letto la propria presentazione e le ragazze ci hanno letto le storie originali. E' stato molto commovente. Intanto che continuavano a leggere riuscivo ad immaginarmi la loro umile vita e ogni bambino o persona mi faceva tenerezza, avevo voglia di stringerli in un abbraccio. Un semplice abbraccio, in fondo c'è sempre un po' di bene in tutto questo male.  
Poi, dopo questa esperienza, ci hanno richiesto di scrivere su un post-it, cosa ci faceva venire in mente la stessa frase sul cartellone. Io ho deciso di scrivere: piccoli gesti possono creare qualcosa di grande. I volontari aiutando, collaborando e parlando sono riusciti a costruire: scuole, centri di accoglienza e centri per cure sanitarie.
Si sono battuti con costanza per i diritti di ogni persona. Non è facile, non è MAI facile, ma con il tempo e l'impegno ci sono riusciti.
Questa lezione mi è piaciuta e mi ha entusiasmata molto, perchè ho capito veramente che basta poco per essere felici e un giorno vorrei riuscire anche io ad aiutare qualcuno, stargli accanto, sostenerlo.
A. C.

20161201 11452420161201 11510620161201 123534

Istituto Comprensivo Statale A. Manzoni Uboldo - Origgio Varese

CUF

Il codice univoco di fatturazione elettronica (CUF) del nostro istituto scolastico è il seguente:

 UFHFB4  

Torna su